lunedì 7 maggio 2007

La gabbia d’oro di Paola Loreto


Le volte che ho seguito con le dita
sazie il profilo di una spalla
che conosco, dove l’osso
sbalza appena alla fine
di un declivio lento.

Le volte che ho sentito quelle dita
cercare l’osso del fianco dove
amavano posare la mano
nella bella stagione.

Non le conto più. Le volte, dico,
che ti ho voluto tanto
da infettarmi il corpo.
Si era riconosciuto, salubre,
in quel tuo passo singolare
e un po’ inclinato.


[Paola Loreto -da L'acero rosso]

1 commento:

Maria Pina Ciancio ha detto...

In questi giorni Paola Loreto ha ricevuto a Spezzano Terme il premio "Calabria Alto Ionio" con la raccolta Addio al decoro. AUGURI Paola per questo nuovo, importante riconoscimento.
Mapi